Navigation – Plan du site
Comptes-rendus

Curreri, Luciano, Il peplum di Emilio. Storie e fonti antiche e moderne dell’immaginario salgariano (1862-2012)

Piombino, Edizioni Il Foglio, CINEMA, 2012 (1° edizione, marzo), p. 227 ISBN 9788876063688
Fabiana Dimpflmeier
Référence(s) :

Luciano Curreri, Il peplum di Emilio. Storie e fonti antiche e moderne dell’immaginario salgariano (1862-2012), Piombino, Edizioni Il Foglio, CINEMA, 2012 (1° edizione, marzo), p. 227 ISBN 9788876063688

Texte intégral

1Per la collana di Claudio Zanello ‘Cinema’ de Il Foglio Letterario, “che comprende volumi monografici dedicati ai personaggi più complessi, multiformi, innovativi e contraddittori che hanno segnato la storia della cinematografia degli ultimi decenni…” esce questo denso, a tratti rocambolesco, vivido, sferzante volumetto di Luciano Curreri, che con passione focosa trascina nel cuore pulsante dell’immaginario salgariano e della ricezione di Salgari, a partire da Cartagine in fiamme (apparso nel 1906 a puntate su “Per terra e per mare” e nel 1908 in volume), passando per il panorama cinematografico cresciuto intorno al genere peplum dagli anni Dieci in poi, per poi tornare a riflettere su Le figlie dei faraoni del 1905.

2Un libro composito, una raccolta di articoli di variabile lunghezza ma sempre acuta intensità che si muove su di una molteplicità di livelli, che se pende verso la modernità e il cinema non manca di confrontarsi con la letteratura, il passato e le fonti, la Storia contemporanea (e successiva) al romanziere, fra Italia e Francia, aprendosi a diversi spunti di riflessione, a volte mescolando le carte a disposizione e invertendo l’ordine del tempo, sciacquando vecchie concrezioni improduttive e date per scontate, a volte creando vorticosi e immaginifici turbinii di riferimenti colti. Il tutto accompagnato da un profondo rispetto per l’unicità e irriducibilità dell’opera di Salgari, mai venduta, mai canzonata.

3Certo è che l’impressione che si ha del volume si confà bene all’immagine del peplum come di un’ampia veste, che con i suoi lembi arriva a toccare diversi generi ed epoche, a partire da due romanzi che possono essere considerati un po’ come delle ‘chicche’ dimenticate di Salgari. È proprio vero quel che dice Ernesto Ferrero nel suo invito alla lettura: “Salgari ci fa un ultimo regalo indiretto con le ricerche che lo riguardano, e che finiscono con l’andare oltre la sua lussureggiante produzione, investendo costumi culturali, gusti, tradizioni, passioni, manie, ossessioni, fantasticherie di un’intera epoca”. Il peplum di Emilio è proprio questo : un libro che nella sua stessa struttura compositiva si insinua dentro Salgari riportandolo alla sua essenza, in un tempo mitico e fondativo – in cui “la sua auctoritas narrativa si scioglie dentro un immaginario puro, disteso tra antichità e modernità” – dove lo stesso romanziere rinasce salgariano: “ecco, alla fine della fiera, l’aggettivo, ‘salgariano’, conta più del cognome da cui è tratto e anzi ne sfuma il carattere monolitico, dandoci la possibilità di mettere insieme Flaubert e Salgari, Salgari e d’Annunzio e/o Pastrone”.

4Curreri si muove veloce sopra le righe offrendoci una cura contro quell’acribia “che può nascondere insidie, a partire dall’ossessione di voler tutto spiegare o sublimare”, sussurrando fotogrammi e suggerendo contestualizzazioni in una scoppiettante danza del fuoco, dove il crepitio e l’allegrezza delle fiamme si alterna all’impeto e alla passione che divora in lungo e in largo. Nella sua “pirotecnia flamboyante” – se proprio si vuole dar ‘fuoco alle micce’ –, ci si può forse chiedere se non ci si ritrovi a volte a percepire proprio quella tensione che l’autore attribuisce a Salgari, in cui “ogni episodio, ogni informazione, ogni immagine possono e devono essere utilizzati, bruciati, consumati” (p. 168). Allora al fuoco, come già il nostro giustamente intuisce, va forse aggiunta dell’acqua, non tanto per ‘spegnere’, quanto per nutrire e permettere a chi ha già valicato le Alpi di acquisire quelle abilità natatorie che gli possono permettere di attraversare il fiume con Amytis.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Fabiana Dimpflmeier, « Curreri, Luciano, Il peplum di Emilio. Storie e fonti antiche e moderne dell’immaginario salgariano (1862-2012) », Belphégor [En ligne], 11-1 | 2013, mis en ligne le 22 juin 2013, consulté le 24 juin 2017. URL : http://belphegor.revues.org/209

Haut de page

Auteur

Fabiana Dimpflmeier

Università di Roma ‘La Sapienza’

Articles du même auteur

Haut de page
  • Logo Littératures populaire et culture médiatique
  • Revues.org